venerdì 28 settembre 2007

Nicola Franco BALLONI: “Sometimes it seems to me that Ukrainians and Italians were born of the same mother”



By Masha TOMAK

The Day, Kiev, Tuesday, 25 September 2007
The Academic Board of Kyiv National Taras Shevchenko University has awarded the title of Doctor Honoris Causa to Nicola Franco Balloni, director of the Italian Institute of Culture in Ukraine, for his many years of outstanding research and teaching as well as his personal contribution to the strengthening of cultural links between our two nations. The Day was one of the first to congratulate Dr. Balloni on this solemn occasion and ask him about the new cultural development projects that the Italian Institute of Culture is planning.

When did you start your activities in Ukraine and what are the priorities of your institute?

“I was appointed attache for culture, education, and research at the Italian Embassy in Ukraine in 1992. We organized Italian language courses, film shows, exhibits, and concerts. In 1998 the Italian Institute of Culture in Ukraine was founded as an official mission of the Foreign Ministry of Italy. This was done with the personal assistance of the then President Oscar Luigi Scalfaro, who was very surprised during his visit to Ukraine that such a large country did not have an Italian cultural center.

“Today, cultural relations between Ukraine and Italy are more dynamic than they were in the 1990s. Naturally, we also contributed to this. Other nations regard my country as the cradle of European civilization, the birthplace of the Renaissance, opera, and masterpieces of architecture and fine art. With due respect for the classics, we are also trying to promote contemporary Italy, including its fashion, design, cuisine, and cutting-edge technologies. As for our priorities, they are primarily the quality of the projects that we undertake. For example, thanks to our efforts, Kyiv was able to hear the legendary Paganini violin played by the prominent Ukrainian musician Bohodar Kotorovych. Ukrainians will soon be able to hear this rare instrument in Odesa, maybe during the post-restoration opening of the Opera House.

“Ukrainians and Italians are European peoples. We have so much in common, even our character and mentality. You know, sometimes it seems to me that Ukrainians and Italians were born of the same mother.”

In partnership with the Bohdan and Varvara Khanenko Museum of Arts, your institute held an exhibit of ancient Roman sculptures from Italian museums, entitled Pueritia/Childhood. What are the most high-profile projects that the institute has undertaken since its inception?

“The Khanenko Museum of Arts is one of our regular partners. We launch all kinds of joint projects every year. Kyivites will recall the interesting exhibits of Venetian glass and majolica (from the Renaissance to the present), and an Italian fashion show that presented designs by Versace, Ferre, Ferragamo, Valentino, and others.

“We are cooperating fruitfully with the National Opera of Ukraine. Since 2003 we have jointly staged such Italian and European operas as Turandot (2003), Gioconda (2004), Faust (2005), Manon Lescaut (2006), and Macbeth (2007). We also held the Ave Verdi Festival. Since the entire world is going to celebrate the 150th birth anniversary of Giacomo Puccini in 2008, we are planning to hold a Puccini festival. For the first time two years ago Kyiv welcomed the late tenor Luciano Pavarotti. It was at our invitation that the superb movie stars Sophia Loren and Gina Lollobrigida visited Ukraine. The outstanding film directors Mario Monicelli and Ettore Scola were guests of honor at the Molodist Film Festival. We are actively cooperating with the National Philharmonic of Ukraine, particularly on the project Golden Pages of Italian Music.

“Another very important sphere is book publishing. Together with the Institute of Literature (National Academy of Sciences of Ukraine) and Folio Publishers, we launched the Library of Italian Literature. Ten books of Italian classics in Ukrainian translation have already come out. Petrarch’s masterpiece Canzoniere, which has never been published before now in Ukrainian, will come out in October. New translations of Luigi Pirandello and Italo Calvino are also going to be published this year.”

You took part in organizing a conference and producing the book The Death of Earth: The Holodomor in Ukraine in 1932-1933. Why did you choose to support this project?

“The Holodomor is a major tragedy of the Ukrainian people, Europe, and the entire civilized world in the 20th century. The main thing is that it should always be remembered and be a lesson for everybody, so that no other holodomors (ethnic, cultural, linguistic, physical) will ever happen again.

“Working in Kyiv, I have always considered it my duty to Ukraine and my predecessors to publish in Ukrainian the documents gathered by Andrea Graziosi, professor of Naples and Harvard universities, which include eyewitness accounts by Italian diplomats who were working in Ukraine during the 1930s (for example, the Kharkiv consul’s letters to Italy’s fascist government, in which he described what was going on in Ukraine). The book Letters from Kharkiv will come out in November to mark the 75th anniversary of the Holodomor.”

How long have you been collaborating with Kyiv National Taras Shevchenko University?

“This university was the very first institution that I began to cooperate with when I arrived in Ukraine. Together with the rector at the time we introduced courses of Italian language. Italian had not been studied on a university level in Ukraine before this. I taught Italian language and literature at this university for many years, and now we have opened the Center of Italian Studies.”

What are some of the institute’s latest creative projects?

“There are many plans and they are quite ambitious. For example, we are applying for the Genoese fortress in Sudak to be recognized as a UNESCO world heritage site. The application procedure is complicated and requires a lot of documents. We are planning to restore the canvases of outstanding Italian painters now stored at the Khanenko Museum of Arts and Odesa’s Museum of Western Art.

“We will hold the Days of Italian Fashion in October. Residents of Kyiv who visit the exhibit ‘Half a Century of Italian Fashion — The History of Style: Made in Italy for Men and Women’ will see unique items that well-known designers created for such celebrities as Ava Gardner, Audrey Hepburn, Jacqueline Kennedy, Sophia Loren, Claudia Cardinale, and Pierce Brosnan. There will also be a gala show and a workshop on the history of Italian fashion. The guests of honor will be Guillermo Mariotto (creative director of the Gattinoni Fashion House) and Stefano Dominella (president of Alta Roma, a seasonal haute couture show in Rome).”

What is your opinion of current Ukrainian-Italian relations? What do you think should be corrected here?

“The cultural links between our countries are on a high level. I would like there to be less red tape and more funding from both state- run and private businesses. Tobacco and liquor companies frequently offer their cooperation, but I do not think it’s a good idea to advertise their products because this is unethical in my view. I am calling on art patrons and sponsors to help culture because you cannot achieve much with sheer enthusiasm.

“Ukraine should position itself more actively in the world. Unfortunately, Ukrainian culture and art are not as popular as they deserve to be. Ukraine has a colossal cultural potential.”


ROMA\ aise\ 27 settembre 2007 - "Le molteplici attività della Dante, daLl’insegnamento della lingua italiana all’organizzazione di eventi e manifestazioni di elevato spessore culturale, si raccordano con la componente culturale della politica estera del nostro Paese, fornendo un supporto in alcuni casi indispensabile". È quanto ha dichiarato il Ministro degli Affari Esteri, Massimo D’Alema, che da New York, dove si trova per partecipare alla 62ma Assemblea della Nazioni Unite, ha inviato un messaggio all’Ambasciatore Bruno Bottai, presidente della Società Dante Alighieri, in vista dell’apertura, domani mattina, in Campidoglio, del 78° Congresso Internazionale della Dante.
L’appuntamento, a cadenza biennale, indica le linee della politica culturale e linguistica della Dante, istituzione impegnata nella diffusione della lingua e della cultura italiana nel mondo. Il Congresso sarà incentrato sul tema "Carducci 2007: solo un anniversario?". Fu, infatti, il poeta maremmano, di cui quest’anno si celebra il primo centenario della morte, a fondare nel 1889 la Società Dante Alighieri e a lui si deve l’idea di dare all’istituzione il nome del Sommo Poeta, riferimento più significativo alla nascita della lingua italiana.
Per il Ministro D’Alema si tratta di "un momento importante, non soltanto celebrativo della benemerita attività della Dante, ma anche di approfondimento e di studio delle grandi sfide e problematiche che essa si trova ad affrontare nel mondo di oggi".
"La figura di Carducci, di cui ricorre il primo centenario della morte, appare una scelta particolarmente felice per questo Congresso", ha proseguito il ministro. "Il poeta maremmano fu tra i primi a porre la questione della difesa della nostra lingua e cultura e della loro promozione al di fuori dei confini nazionali. La società Dante Alighieri da lui fondata nel 1889", ha concluso, "è l’erede di quell’impegno, che oggi accomuna un numero sempre crescente di connazionali all’estero e in Italia". (t.s.\aise)


COPENAGHEN\ aise\ 27 settembre 2007 - Fondata nel 1907, la storia della casa editrice Mondadori verrà presentata questo pomeriggio alle 18 nella sede dell’Istituto Italiano di Cultura di Copenaghen.
I primi cento anni di una delle più importanti case editrici italiane saranno illustrati al pubblico danese dallo scrittore Antonio Franchini, editor della Mondatori per la narrativa italiana. La serata, che vede la partecipazione degli editori danesi Borgen e Ferdinand, è resa prestigiosa dalla presenza di due scrittori di spicco: il noto Valerio Massimo Manfredi e il giovane ma già affermato Nicola Lecca, che leggeranno dei passaggi tratti dalle loro opere tradotte in danese.
Il centenario sarà dunque occasione per rivisitare la storia di un editore che ha segnato tanta parte della cultura - letteraria e non solo – del ‘900 italiano.
L’editoria italiana in generale, del resto, gode di ottima salute in Danimarca. Ciò è confermato non solo dalla popolarità degli scrittori summenzionati, di sovente presenti nella lista dei "top ten" dei libri più venduti in questo Paese, ma anche dal fatto che la scorsa estate il romanzo "Io uccido" del noto scrittore e showman italiano Giorgio Faletti è stato per molte settimane in testa alle classifiche delle vendite. (aise)

giovedì 27 settembre 2007

Ad un mese dalla scomparsa di Luciano Pavarotti l'Italia organizza una serie di eventi commemorativi in tutto il mondo

News ITALIA PRESS, 26 settembre 2007 - Roma – Il ministro degli Affari Esteri, Massimo D'Alema, ha reso noto che l'Italia si sta preparando a celebrare la scomparsa del grande tenore Luciano Pavarotti con una serie di concerti, mostre cinematografiche, retrospettive fotografiche ed altri eventi commemorativi sparsi per tutto il mondo. La serie di iniziative inizierà il 6 ottobre, esattamente un mese dopo la scomparsa del tenore a causa di un cancro al pancreas. Le città coinvolte saranno Lima, Budapest, Copenhagen, Lione, Montevideo e Nuova Delhi. Inoltre un film che ripercorre i momenti salienti della carriera dell'artista, realizzato dalla "RAI", è stato distribuito in 90 istituti di cultura italiani nel mondo in modo che si possa diffondere la conoscenza di questo grande artista che è stato capace di far apprezzare la lirica e l'opera al grande pubblico.

venerdì 7 settembre 2007

Zulian: "Coggiola, sugli IIC bisogna ragionare in altri termini"

di Antonio Zulian

Italia chiama Italia, 6 settembre 2007
Non vorrei che questa mia venisse interpretata come una risposta polemica alle obiezioni mosse dal signor Coggiola al mio precedente articolo. Niente affatto, è solo un ulteriore contributo alla discussione complessiva concernente l’andamento –patetico – che in questi ultimi tempi ha coinvolto gli Istituti Italiani di Cultura all’estero, anche se, ad onor del vero, certe stramberie ne sono sempre successe.

Caro Coggiola, molti altri casi di “eliminazioni” ingiuste potrei raccontarle, a proposito di Direttori. Ma anche di giuste. Insomma, un Direttore non sempre piace a tutti, anzi spesso capita che piaccia a chi ha la stessa tessera di partito o di sindacato, anche se questo sindacato, il più delle volte la Cgil, non guarda in faccia proprio nessuno. “Elimina” anche un suo tesserato, se è il caso, ovvero, se il suo sloggiamento gioca a favore del discorso politico complessivo. In specie se chi è al governo vuole sistemare qualcuno di particolarmente caro. Ma il nocciolo della questione è questo: non è con processi sommari ed epurazioni che si migliora lo stato degli Istituti in parola. A meno che non si voglia fare di questi Istituti qualcos’altro di particolarmente misterioso; oppure, che della Cultura vera e propria si voglia fare uno specchietto per le allodole . Mi segue? Dunque, per migliorare la situazione, dicevo, esistono anche altre armi: ad esempio, l’attenzione al rispetto delle norme, la formazione, le competenze del personale. Se i fini sono trasparenti, vedrà che anche l’azione amministrativa sarà trasparente. Una griglia di valutazioni dei funzionari –che ricordiamo, non si tratta di dirigenti soggetti a spoil-system - forse dovrebbe partire da una valutazione generale dello stato dell’istituzione, delle sue potenzialità, che dovrebbero essere comunicate al funzionario in partenza, con aggiunti i desiderata dell’amministrazione a riguardo della sede in cui il funzionario si reca.

Lei mi fa notare, Coggiola, che l’Ambasciatore di Atene, a proposito di differenza del prodotto offerto dall’Istituto allora guidato dal Dr. Molisani, offriva la mostra di Caravaggio ecc. mentre il Direttore solo conferenze e via dicendo. Insomma, robetta. Ma ha chiesto all’Ambasciatore quanto ha speso per i suoi prodotti, di quali collaborazioni in alto loco ha goduto? E ha chiesto poi al Dr. Molisani quanto personale aveva, che tipo di corsi organizzava, quanto spendeva per la sede e quanto gli passava lo Stato per le sue manifestazioni? Si sarebbe accorto delle incredibili pagliacciate di cui il nostro Stato è capace. E ai cui danni il popolo italico deve continuamente por rimedio, pagando profumatamente doppioni e triploni che non servono a nulla se non a mettere i bastoni tra le ruote a quel povero diavolo di Direttore che, mal protetto magari, o con scarsa tessera in tasca, riceve certamente un lauto stipendio, ma santo Iddio… Lo vogliono sempre spostare, lo vogliono. Per fare posto al Coccolo di casa, naturalmente. Ci siamo capiti? Orbene, l’invio all’estero dei Direttori d’Istituto dovrebbe essere sottoposto a dei criteri che attualmente mancano; quelli di nomina, ad esempio, che prescindono spesso da competenze (addirittura da quelle linguistiche), e che spesso autorizzano partenze improvvise al di fuori delle liste ufficiali. Perché succede questo?

Non conosco personalmente il Dr.Molisani, ma so per certo che su di lui venne emesso un giudizio abbastanza sommario e prevenuto. Tuttavia, mancando a lei e a me determinati elementi circa le reali possibilità del Molisani e dell’Ambasciatore di cui mi parla, non posso emettere un giudizio. Come non lo può emettere lei, caro Coggiola. So soltanto, però, che l’amministrazione mancò alla propria correttezza, quando scelse di non concedergli, senza alcuna valida giustificazione, il trasferimento richiesto. Ma ripeto, non è con la delazione e gli attacchi sistematici che si cura un’istituzione. Se su un funzionario si hanno dei dubbi, si deve procedere con chiarezza e con obiettività. Ma si deve anche, credo, guardare alla sua situazione di partenza, cioè alle competenze che ha, i risultati raggiunti in base al suo budget. Ma soprattutto, a questo esame deve procedere qualcuno che conosca l’attività del funzionario, qualcuno che non sia coinvolto nei problemi della sede, e che non abbia alcun interesse al di fuori di quello dell’amministrazione. Che come lei sa, possiede le armi della sanzione e del richiamo. Cui però i dipendenti possono rispondere ai termini di legge.

Coggiola, le pongo una domanda e concludo: per quale ragione, se la gestione Molisani era così cattiva, il ministero scelse di negargli il trasferimento –al termine dei 5 anni di servizio- anziché procedere ad una sanzione?

Per sua conoscenza e quella di tutti i nostri incliti lettori, oggi ad Atene siede la compagna di un ministro della carriera diplomatica in pensione, già Direttore generale delle Culturali. Ho quindi motivo di credere che la nuova Direttrice non avrà problemi analoghi a quelli del predecessore. Ne conviene?

mercoledì 5 settembre 2007

Oslo racconta Pier Paolo Pasolini

Fino al prossimo 30 settembre, la Cinematek della capitale norvegese ospiterà una rassegna dei più grandi capolavori cinematografici dell'artista italiano

ItalPlanetNews, 5 settembre 2007
Per tutto il mese di settembre, Oslo omaggerà uno degli artisti e pensatori italiani più importanti del XX secolo: Pier Paolo Pasolini. L'Ambasciata d'Italia e l'Istituto Italiano di Cultura di Oslo, in collaborazione con il Norwegian Film Institute e il Fondo Pasolini di Bologna, dedicano infatti al grande artista italiano una rassegna dei suoi più grandi capolavori cinematografici.

La rassegna, introdotta dal professor John David Rhodes dell'Università del Sussex - critico del cinema e grande esperto delle opere di Pasolini, ha recentemente pubblicato un libro a lui dedicato, dal titolo "Stupendous, miserabile, city: Pasolini's Rome" – comprenderà alcune delle pellicole più famose del Pasolini regista: da "Mamma Roma" a "Porcile", passando per "Medea", "Il Decameron", "Salò", "I racconti di Canterbury", "La ricotta", "Le mura di Sanàa", "Comizi d'amore", "La terra vista dalla luna", "La rabbia", "La sequenza del fiore di carta", "Appunti per un film sull'India", "Che cosa sono le nuvole", "Appunti per un'orestiade africana", "Il Vangelo secondo Matteo", "Edipo Re", "Teorema", "Il fiore delle mille e una notte", "Accattone" e "Uccellacci uccellini".

Le proiezione si tengono sempre alle ore 18,00 presso la Cinematek Oslo.

Per maggiori informazioni, è possibile visitare il sito internet dell'IIC di Oslo: . (ItalPlanet News)

Il Direttore IIC di Varsavia, Giulio Molisani, risponde al Direttore di 'Eureka' Sergio Coggiola

News ITALIA PRESS, 5 settembre 2007
Varsavia - In merito all'articolo Sergio Coggiola: tenere gli occhi aperti sugli IIC ma facendo attenzione a conoscere le diverse realtà nel mondo, pubblicato oggi 5 settembre 2007 su News ITALIA PRESS, interviene da Varsavia Giulio Molisani, alla Direzione dell'Istituto Italiano di Cultura (IIC) di Varsavia, e nel passato all'IIC di Atene, chiamato in causa proprio dall'articolo di Coggiola.
Questa la dichiarazione di Giulio Molisani che riportiamo nella versione integrale.
"Mi sembra che il sig. Coggiola esprima sue considerazioni personali che porta a conoscenza di alcuni organi di stampa italiana per l'estero. Il sig. Coggiola è ovviamente responsabile di quanto afferma. Altrettanto responsabili saranno gli organi di stampa cui si rivolge se decideranno di prendere in considerazione le sue farneticazioni. Ad ogni buon conto segnalo, come per altro ha già fatto correttamente il dr. Zulian sul "L'Italiano", che la magistratura italiana si è già più volte pronunciata sulle vicende ateniesi riferite dal sig. Coggiola, con provvedimenti e motivazioni di cui lui sì, il sig. Coggiola, farebbe certamente bene a documentarsi. Avrebbe così la sorpresa di scoprire che chi aveva il dovere istituzionale di giudicare l'ha pensata in maniera diversa dalla sua, su tutti (e dico: proprio tutti) i particolari e gli argomenti che ora egli va nuovamente blaterando contro di me. Infine si chieda, gentile Direttore, di chi oggi il sig. Coggiola è il portavoce: probabilmente solo di se stesso e degli squallidi personaggi che nomina nel suo scritto" News ITALIA PRESS

Sergio Coggiola: tenere gli occhi aperti sugli IIC ma facendo attenzione a conoscere le diverse realtà nel mondo

News ITALIA PRESS, 5 settembre 2007
Atene - Sergio Coggiola, Direttore del periodico italiano Eureka di Atene, dal quale lo scorso 3 settembre si era avuta una seria analisi sulla strategia culturale italiana in Grecia e di fatto nel mondo (Appunti di strategia culturale News ITALIA PRESS N° 165 del 3 settembre 2007), interviene oggi rispondendo a un servizio pubblicato dal quotidiano L'Italiano.
Che si debba tenere gli occhi aperti sugli Istituti di Cultura è fuor di dubbio afferma Coggiola. Portare l'esempio dell'ex direttore di Atene, Giulio Molisani che avrebbe subito le "prepotenze" dell'Ambasciatore in Atene, Cavarai, come scrive Antonio Zulian su L'Italiano di martedì 4 Settembre, "per sostenere una tesi di critica alla gestione degli Istituti è sicuramente falso, per cui trovo dunque alquanto infelice la citazione della situazione di Molisani riportata dallo Zulian".
"A questo riguardo posso dire - essendo stato testimone diretto e che ha più volte polemizzato con Molisani, definendo la sua politica culturale come "blob-cultura" - che l'ex direttore di Atene ha sicuramente mancato al suo mandato. E se non fosse stato per la caparbia iniziativa dell'Ambasciatore Cavarai, la cultura italiana sarebbe rimasta confinata a mostre, a concerti, e dibattiti, mi riferisco a quelli organizzati dall'IIC, che andavano deserte. Ricordo che, nel 2005, il pubblico presente per l'inizio dei lavori dell'annuale "Settimana della lingua italiana" era composto da tredici persone, escludendo gli invitati. All'opposto,di fronte alla "pochezza" di Molisani, Cavarai ha dato grande impulso alla nostra visibilità con una eccezionale mostra su Caravaggio, un'altra su Leonardo e poi ricordo la collaborazione con il Museo Goulandris e con il prestigioso Megaron Musiki. E perché non aggiungere che se non fosse stata la testardaggine dello stesso Cavarai (sostenuta da un funzionario di polso, Valerio Bernini), ancora oggi la sede storica dell'Istituto sarebbe ancora un cantiere aperto ai restauri. Molisani, è certo, non ha lasciato un buon ricordo. Per cui teniamo gli occhi aperti, ma almeno documentiamoci, e chiediamoci perché oggi Molisani dirige l'Istituto di Varsavia".

martedì 4 settembre 2007

Occhi aperti sugli IIC all'estero

di Antonio Zulian

Italia chiama Italia, 4 settembre 2007
Ho approfittato di questo periodo di vacanze per ficcare un po’ il naso sugli strani movimenti che avvengono all’interno degli Istituti Italiani di Cultura all’estero (IIC), movimenti che, naturalmente, vengono decisi dalla Direzione Generale delle Culturali in quel Ministero degli Esteri che, oggi come non mai, si dà tanto da fare per allontanare certi Direttori dagli IIC per sostituirli con altri di proprio gradimento. Così, su due piedi, e senza per nulla badare ai tempi legittimi di permanenza di questi Direttori o al loro operato concreto.

E’ certo altresì che di questi tempi sia di moda, presso la citata Direzione Generale, dare ascolto più alla voce di qualche impiegatello furbetto e magari bene ammanigliato, che al Direttore stesso. Voglio dire che, semplicemente, basta che egli faccia sapere a “chi di dovere” che il suo Direttore non gli va a genio, per fargli fare presto fagotto. Ma dove siamo arrivati?
E’ ormai noto il caso dell’attuale Direttrice dell’IIC di Zurigo, in allontanamento per decreto del Ministro degli Esteri D’Alema; in verità, per espresso volere del signor Giangi Cretti e del Senatore Micheloni, “illustri rappresentanti del mondo dell’emigrazione locale”. Pazzesco! Come se il destino di tutti gl’italiani della Svizzera dipendesse dal volere e dagli umori di quei due.
Ma i capi d’accusa che riguarderebbero l’attuale (e speriamo ancora per molto tempo) Direttrice , quali sono, in che consistono? I capi d’accusa sono gli stessi per i quali la sentenza arbitrale del 7-04-2007 ha dato alla Direttice in questione piena ragione e assoluzione. E guarda caso, l’accusa era partita da una sua impiegata.

Ma D’Alema, naturalmente, e con lui anche la parrocchietta di umili segugi, ha fatto orecchie di mercante, cioè, se n’è strafottuto. Ci preoccupano inoltre anche altri casi simili avvenuti di recente, che non possono non suscitarci dei sospetti particolari, e del tutto degni dell’operato di questo governo incapace, pappone e maldestro. Pressioni incredibili, rimozioni forzate e di dubbia legittimità si susseguono. Volete degli esempi illuminanti? Eccoli: Il Dr. Angelo Carrere, Direttore dell’IIC di Tripoli, è stato spinto alle dimissioni anticipate dalle accuse, non provate, del suo personale e dell’Ambasciata. Poi c’è il caso della Dr.ssa Luciana Rocca, Direttrice dell’IIC di Praga, la quale lotta da oltre un anno -sotto la protezione della polizia ceca – per allontanare un contabile riconosciuto colpevole di sottrazione di fondi ai danni dello Stato Italiano, e poi incarcerato dalla locale polizia su denuncia della sola Direttrice. Per inciso, la signora Rocca è stata abbandonata dalla nostra Amministrazione Esteri, che anzi – attraverso l’Ispettorato Generale del Ministero – aveva colmato di lodi il contabile, reo di quanto sopra.

E non è finita. Analogo, e altrettanto recente, il caso del Direttore dell’IIC di Atene, Dr. Angelo Molisani, “perseguitato” dall’Ambasciatore in Atene per i primi cinque anni del suo mandato, e che si vedeva perciò negare il suo trasferimento in altra sede. Solo una successiva sentenza con procedura d’urgenza, a lui favorevole, permetteva al Direttore medesimo di essere finalmente trasferito ad altro Istituto, quello di Varsavia.

Ma altrettanto singolari, e gravissimi, risultano i silenzi amministrativi nei confronti degli Addetti e impiegati degli istituti, autori di dichiarazioni infamanti contro i loro Direttori e mai perseguiti, benché in sede giudiziaria riconosciute prive di fondamento.

Certo, non escludo che nel corpo di questa categoria di Direttori ci siano anche gli ideologizzati (tanti, purtroppo), i fannulloni e gl’incapaci, o gl’imbroglioni. Io stesso ne ho conosciuti un paio, e io stesso sono finito in tribunale col risultato di averne fatto cacciare via uno tra i più negletti. Non ignoro che in giro vi siano le pecore nere, ma tra tanta disponibilità di Direttori, suona strano, assai strano che di questi tempi così decisivi per le sorti di questo governo, si colpisca proprio chi a certe pressioni non cede, e tutti coloro che non intendono affatto che il loro Istituto di Cultura si possa trasformare in un qualcos’altro di non pertinente, e dove operazioni di ogni tipo diventerebbero possibili. Forse che non si è parlato, a proposito di voto all’estero, di “voto informatico” ?

Ecco, noi crediamo che questo tipo di Istituto si presti benissimo a quel tipo di voto. Specialmente se i loro Direttori, d’accordo con i propri impiegati, vi si barricheranno dentro al momento opportuno per verificare, diciamo, se i collegamenti telematici con le vari anagrafi d’Italia, hanno dato i frutti sperati. Spetta quindi alla politica riprendersi i parametri di valutazione dell’operato dei suoi singoli funzionari, ad essa il compito di stabilirne l’onestà e l’efficacia. Il tutto nel rispetto di quelle stesse leggi che nel corso degli anni la politica medesima ha promosso e votato. Non spetta di certo solo a D’Alema e compagnia strusciante, questo compito morale e civile che ci riguarda tutti, nessuno escluso. Perciò occhio a quanto succede negli IIC all’estero. La battaglia è appena cominciata.

Entrevista al doctor Renato Poma, nuevo agregado cultural y director del Instituto Italiano de Cultura en Perú.

Doctor Renato Poma
Cultural - Sus cartas de presentación

Expreso, domingo 2 de setiembre 2007 - Lima.
Entrevista al doctor Renato Poma, nuevo agregado cultural y director del Instituto Italiano de Cultura en Perú.
El Perú tiene una extraordinaria riqueza artística pero también es tierra de terremotos. De allí la importancia de enriquecer nuestras capacidades para conservar y restaurar nuestros monumentos históricos. Así se expresa Renato Poma, nuevo agregado cultural y director del Instituto Italiano de Cultura en Perú.

Además, Poma trabajará intensamente en la divulgación de la lengua italiana como una forma de estrechar más las relaciones ítalo peruanas. En noviembre tanto en Lima como en los otros cien institutos italianos de cultura que existen en el mundo, se realizará la Semana de la Lengua Italiana.

Advierte que el italiano es una lengua que en los últimos siete u ocho años ha tenido un desarrollo impresionante. “Estamos estudiando el porqué de este fenómeno”, comenta Poma y señala que este interés se observa en Europa y también en EE UU y Japón, países tan diferentes de Italia.

“El italiano no es un idioma como el inglés que se habla en muchos países. El italiano se habla en Italia y parte de Suiza. Tampoco es como el español que se habla en todo un continente. El idioma trae consigo mucha simpatía porque trae cultura, que en el caso del italiano, a partir de los siglos XIV y XV, es tomado por occidente, por toda Europa. El italiano nos pone en contacto con una cultura que ha sido verdaderamente importante para la historia de occidente”, recalcó.

Enseñar a restaurar
Respecto al proyecto de crear en el Perú un instituto de restauración, Poma dice que la restauración de objetos de arte y edificios es una especialización de Italia. “Tenemos una rica tradición artística e histórica que nos pone en la punta del sector. Una institución muy importante en este campo es el Instituto del Restauro que da clases en todos las instituciones culturales del mundo, porque tiene el conocimiento y la sabiduría. Lo he podido comprobar en otros países de América Latina”.

El Perú tiene joyas arquitectónicas pero también tiene terremotos, de allí que será muy provechoso que los profesores italianos intercambien con peruanos los conocimientos y hacer posible el intercambio de experiencias con la Escuela de Restauración. La Escuela de Italia es una escuela de excelencia de nivel mundial.

Peruanos en Italia
Desde siempre Italia mira a América Latina, dice Poma: “Italia mira con mucho interés al Perú tanto por muchos peruanos que viven en Italia como por los italianos que viven en Sudamérica, particularmente desde los siglos XIX y XX. La cultura latinoamericana está muy presente en Italia, a través de los mismos latinoamericanos, de sus comunidades organizadas en barrios y sus fiestas culturales. La cultura sudamericana ha ingresado en la forma de vida de los italianos. Este acercamiento es más cercano que otras culturas históricamente más cercanas”.

Reconoce que en Italia hay la gran moda de los bailes y danzas. Esto en el aspecto folclórico. En el campo de la literatura son muy conocidos Borges, Jorge Amado y Vargas Llosa, entre otros. Italia acoge a los nuevos valores. Cuando escritores como Vargas Llosa ofrecen conferencias, convocan multitudes de italianos. Igualmente, en diarios como Corriere della Sera, se puede leer a notables autores latinoamericanos.

Para Poma la reciente Feria Internacional del Libro realizada en Lima, en la cual Italia fue invitado especial, fue una oportunidad para presentar la editorial Mar de Sueños, la cual convoca a jóvenes escritores. A partir de los setenta Italia ha difundido literatura peruana y sudamericana como Arguedas, Vallejo, Vargas Llosa.

Una noticia atractiva para los jóvenes escritores es que en Italia existen también pequeñas editoriales interesadas en los nuevos autores. Danilo Manera, profesor de la Universidad de Milán, está trabajando con autores sudamericanos “y entiendo que tiene proyectos para que puedan conocerse las obras de nuevos autores peruanos”, señaló Poma.

Raimondi a Italia
Junto con el embajador Fabio Claudio de Nardis, está organizando en Italia una exposición sobre Antonio Raimondi, quien encarna las virtudes de los italianos, de ese espíritu aventurero, de conocer, de hacer cosas al lugar donde va, como empresas, asociaciones, investigaciones. Raimondi, al igual que Garibaldi, aportaron mucho a la unidad italiana.

Próximamente también se promoverá un debate sobre Mariátegui y Gramsci. Mariátegui conocido como el “Gramsci peruano” escribió que desde Roma conoció más el Perú. Será muy interesante conocer la confrontación entre Gramsci y Mariátegui, en cuanto se introduce en la problemática del pensamiento político en torno al socialismo y marxismo.

I Solisti Veneti
Finalmente, Italia y la Sociedad Filarmónica presentan en Lima el 13 de setiembre a I Solisti Veneti, el Grupo Orquestal de Cámara más popular en el mundo con sus 5,000 conciertos en más de 80 países y en los principales festivales internacionales. Es el grupo que mejor interpreta a Vivaldi. El grupo I Solisti Veneti está realizando una gira sudamericana celebrando los 50 años de su fundación. El espectáculo será en el auditorio del Colegio Santa Úrsula y lo dirigirá Claudio Scimone.
Jorge Zavaleta

El dato
Renato Poma estudió Letras en la Universidad de Roma y como miembro de la Cancillería de su país ha trabajado en Europa y en algunos países de América Latina, como Argentina. Ahora tiene mucho interés en el Perú, cuyo conocimiento lo ha obtenido a través de los libros.

lunedì 3 settembre 2007

Appunti di strategia culturale

News ITALIA PRESS, 3 settembre 2007
Atene - Non c'è dubbio che Atene abbia fame di cultura. Così come non c'è dubbio che Atene, ci venga perdonata questa presunzione, abbia fame di cultura italiana, perché negli ultimi anni la nostra presenza è stata sporadica e spesso squalificata. Usando le parole del sociologo, Edgar Morin, potremmo affermare che la cultura è un sistema che mette in comunicazione, dialettizzandole, un'esperienza esistenziale ed una struttura costituita.
Il sistema culturale garantisce il possesso di una serie di modelli-guida e di codici, che permettono all'uomo di vivere nel sociale realizzando se stesso: vi sono, cioè‚ delle convenzioni che dobbiamo rispettare, per potere convivere con gli altri, soddisfacendo i nostri bisogni. D'altra parte, però, l'uomo può mutare questo patrimonio acquisito di modelli, può portarvi la sua esperienza personale, cambiandoli. Ciò significa che una politica culturale, per risultare efficace, deve soddisfare sia i singoli, sia le sovrastrutture.
Dunque una politica culturale deve integrare sia la dimensione collettiva, istituzionale (nella sua espressione pubblica e privata), sia quella personale. Occorre quindi una politica culturale integrata, che si avvalga dell'apporto e del coordinamento delle istituzioni, dell'iniziativa privata. Non siamo in errore se sosteniamo che tranne alcune grandi offerte culturali, il nostro nuovo modello socioculturale in Grecia non è stato ancora spiegato alla società ellenica: ci siamo arenati sulla "pizza", sulla "carbonara", su griffe di moda, e poc'altro. In altre parole, oggi all'immagine della nostra cultura si è sostituita, quale palliativo, il relativismo della cultura di massa, in cui tutto viene distorto, contaminato, prosciugato e consumato.
Occorre dunque stimolare con una offerta di alto profilo il pubblico ateniese. Trovare forme comunicative nuove e scindere i ruoli delle nostre istituzioni. All'Istituto, per portare soltanto alcuni esempi, la gestione dell'insegnamento e della diffusione della lingua italiana, l'organizzazione di seminari di incontro tra intellettuali ellenici e italiani.
Purtroppo, nella scorsa stagione l'IIC ha gestito anche eventi di un certo peso organizzativo senza raggiungere tuttavia lo scopo che si era prefisso. Un esempio? Il concerto del violinista Uto Ughi che è andato praticamente deserto. Senza incolpare alcuno, oggi - ed è dimostrato - per organizzare grandi eventi culturali che diano una immagine "forte" del nostro Paese occorrono competenze specifiche che la struttura del nostro Istituto non possiede. Ecco allora il ruolo che dovrebbe assumere l'Ambasciata. Quale? Il ruolo di "garante" di fronte alle istituzioni elleniche e italiane, lasciando alle società specializzate e agli sponsor privati l'organizzazione degli eventi. Questa strategia ha già funzionato, come nel caso della mostra sul Caravaggio. Sergio Coggiola-Eureka/News ITALIA PRESS

sabato 1 settembre 2007

L'Istituto Italiano di Cultura di Melbourne celebra Giosuè Carducci

News ITALIA PRESS, 31 agosto 2007
Melbourne - L'Istituto Italiano di Cultura di Melbourne celebra Giosuè Carducci per il centenario della sua morte il prossimo 5 settembre. Giosuè Carducci (Valdicastello, 27 luglio 1835 - Bologna, 16 febbraio 1907) fu un illustre poeta, professore universitario e Senatore del Regno che ha lasciato una impronta indelebile nelle pagine della letteratura italiana così come nella memoria civile e scolastica del popolo italiano. Fu il primo italiano a ricevere il premio Nobel per la letteratura nel 1906.
In occasione del centenario della morte del poeta, il Professor Piero Genovesi rivisiterà i suoi testi poetici più noti. La sua presentazione verrà accompagnata da una lettura di poesie da parte della Professoressa Adriana Diomedi.
Piero Genovesi è Direttore dell'Italian Australian Institute presso la La Trobe University. Il suo lavoro continuo ed ampio è stato riconosciuto sia dal Governo italiano che dal Governo australiano. È stato insignito rispettivamente delle seguenti onoreficenze: "Cavaliere Ufficiale al Merito della Repubblica Italiana" e "Centenary of Federation Medal". È autore di numerose pubblicazioni.